Single per scelta?

Single per scelta?
Ma per scelta di chi?
La nostra o quella degli altri? La verità è che siamo cosi spaesati e camminiamo fra i sentimenti in punta di piedi per paura di disturbare che non ricordiamo più di chi fosse la scelta o se davvero fosse stata fatta una scelta con decisione ultima di star soli.
Quindi single per scelta è, forse, solo una magra consolazione come quando al super mercato ti accorgi che hanno fatto la monoporzione di un nuovo prodotto e pensi: ‘ finalmente lo posso comprare anch’io’
Riempiamo il carrello con le monoporzioni di surgelati, carne, pesce, frutta, verdura e giriamo con il carrellino piccolo per single fatto apposta per noi. Che poi, diciamolo francamente, questa del carrello è proprio una cosa discriminante magari vogliamo far credere di avere un marito, tre bambini, un Cocker, un gatto e una tartaruga a casa ma con il carrello piccolo con dentro le monoporzioni non ci crederebbe neanche un cieco.
La verità è che siamo troppo delicati gli uni con gli altri, non ci vogliamo disturbare, non ci vogliamo coinvolgere troppo, non ci mischiamo più l’uno della vita dell’altro ci sembra poco carino dirsi tutto, dirsi troppo.
Ci sembra più facile poter scivolare via se restiamo ai margini della relazione.
I sentimenti si devono vivere, li dobbiamo maltrattare, dobbiamo far venire fuori la gelosia ogni tanto, dobbiamo dirci vaffanculo e fare la pace in modo maleducato a letto e non tramite messaggio:
– mi spiace per oggi, ci sentiamo domani
-anche a me, ti chiamo io giovedì domani ho una giornata infernale.

Annunci

4 pensieri su “Single per scelta?”

  1. Si è single di natura cosi come ci hanno creati e spediti su questo pianeta.
    Non siamo single per noi stessi o per causa di altri. Siamo single perchè nel nostro corollario del DNA non c’è alcuna prova che l’essere umano debba per forza essere accoppiato con qualcuno per poter vivere.

    Mi piace

  2. Si è single per la nostra struttura biologica, si è in coppia per la nostra necessità primordiale di procreare (e per amore , solitudine etc etc) . Il punto (per me) è che arrivati all’età 4…. , si capisce più o meno cosa si vuole e cosa si è. Poi il grande compromesso, meglio cercare l’assoluta perfezione o accontentarsi? Io personalmente sono più per un mattoncino alla volta e nel costruire qualcosa di comune, magari non perfetto, sbilenco e dai colori non uniformi ma di voglia comune.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...